Oltre a sviluppare programmi di ricaduta sociale l’Associazione Italiana Sindrome di Poland (AISP) è dedicata a supportare la ricerca medico-scientifica attraverso progetti finalizzati a migliorare la diagnosi e la cura di chi è affetto dalla Sindrome di Poland.

Tradurre progetti scientifici in risultati tangibili richiede molta dedizione, la collaborazione di medici e ricercatori competenti e una pianificazione a medio-lungo termine. Il percorso della ricerca è infatti molto lungo e laborioso ma i ricercatori che collaborano con AISP stanno già raccogliendo i primi “frutti” come pubblicazioni scientifiche, dati presentati in conferenze di settore, assegnazione di fondi da parte di agenzie governative o private impegnate nella ricerca biomedica.

Questi risultati costituiscono la cosiddetta “produttività scientifica” di un ricercatore; per AISP, così come per qualsiasi altra organizzazione che si occupa di promozione della ricerca medico-scientifica, rappresenta un elemento importante al fine di monitorare costantemente l’impatto dell’impegno profuso e delle risorse destinate.

La produzione scientifica viene valutata utilizzando specifici indici bibliometrici (Carpenter CR, Acad Emerg Med, 2014) e sebbene AISP abbia iniziato solo negli ultimi anni più recenti a sostenere programmi di ricerca scientifica tuttavia è già possibile ricavare i primi indicatori di valutazione.

A partire dal 2009, grazie alla collaborazione e al supporto di AISP, sono stati pubblicati 9 articoli scientifici in riviste internazionali censite [Figura 1]. Ad oggi questi articoli sono stati citati da altre 174 pubblicazioni (fonte: Google Scholar), cioè altrettanti nuovi progetti di ricerca sono stati realizzati a partire dai dati pubblicati dai ricercatori AISP.

L’Impact Factor medio delle pubblicazioni AISP è di 2,56.

articoliAISP2019
Figura 1

Oltre alle pubblicazioni, i dati conseguiti dai progetti realizzati con la collaborazione di AISP sono stati anche oggetto di presentazione in convegni scientifici sia nazionali che di respiro mondiale. Nel loro complesso i risultati afferiscono a diverse aree disciplinari, tra cui la più rappresentata è la “genetica” [Figura 2] dimostrando quanto sia importante comprendere le basi molecolari, ancora ignote, della Sindrome di Poland.

areedisciplinariart2019
Figura 2

Gli autori referenti degli articoli scientifici AISP sono il Prof. Santi, la Prof.ssa Baldelli  dell’IRCCS “S. Martino” (Genova), il dr. Torre, la dr.ssa Romanini Catalan e la dr.ssa Puliti dell’IRCCS “Gaslini” (Genova), la Dr.ssa Baban Ospedale Bambin Gesù (Roma)  e il dr. Catena dell’Ospedale “C. Arrigo” (Alessandria).

La ricerca sulla Sindrome di Poland è quindi una priorità di AISP e i risultati ottenuti dai ricercatori impegnati a fianco dell’associazione stanno migliorando la conoscenza su questa rara sindrome congenita aggiungendo nuove e sempre più importanti scoperte scientifiche.